Erba legale in Italia – dove comprare

Comprare l’erba legale in Italia è un’operazione facile ed assolutamente legittima, ma bisogna subito precisare che stiamo parlando di un prodotto che per legge non è da combustione. La canapa light è per un uso tecnico e si puo comprare online qui in questo sito.

L’erba legale viene venduta confezionata e ogni varietà si distingue dalle altre per genetica e diverso contenuto dei principi attivi presenti (THC e CBD). Come ben sanno i consumatori, ogni varietà di marijuana light che troviamo in vendita è diversa dalle altre. La marijuana leggera per uso tecnico o da collezionare si può acquistare da chiunque abbia compiuto i 18 anni di età.

Comprare erba legale online in Italia

La vendita è consentita nei negozi in strada ma anche e sopratutto negli e-commerce online, basta fare una ricerca su google per vedere liste infinite di shop online come il nostro che si occupano di vendere prodotti alla canapa.

La “cannabis light” è un fenomeno attualissimo legato alla coltivazione e alla vendita legale della marijuana leggera, quel particolare tipo di erba, cioè, dal bassissimo contenuto di THC e per questo non classificata come uno stupefacente. La canapa light è il risultato di anni di studio in campo genetico, i cui risultati hanno portato alla creazione di varietà di canapa depotenziate del principio attivo responsabile degli effetti allucinogeni, il THC (tetracannabidiolo).

erba legale

fiori di canapa light legale

Per comprendere meglio il fenomeno dell’erba legale, bisogna prima di tutto guardare alla legge che regola la coltivazione della canapa e degli usi consentiti dalla legge. La legge in questione è la 242/2016 la quale recita che la coltivazione della canapa in Italia è consentita per uso tessile, industriale, scientifico, edilizio e per altri usi tecnici, purchè queste varietà non contengano livelli di THC superiori allo 0,2% e non oltre lo 0,6%. Inoltre il legislatore stabilisce che l’utilizzo della canapa deve essere finalizzato esclusivamente per un uso tecnico e che quindi il prodotto non è da intendersi per uso ricreativo.

Detto questo, è evidente che l’industria della marijuana legale va ad inserirsi in un vuoto normativo che consente la coltivazione di esemplari di canapa con basso THC, e che quindi tecnicamente l’acquisto e la detenzione di canapa light non costituisce reato. Ecco allora che la marijuana light, quella il cui contenuto di THC è sotto lo 0,6%, è diventato il fenomeno del momento ed un mercato economico in forte espansione.”

Dove comprare erba legale su internet

Come già detto in precedenza per chi desidera comprare erba legale su internet esistono siti come il nostro che offrono varietà di canapa legale ordinabile online con spedizione gratuita e veloce.

L’erba legale qui nel nostro paese, sia chiaro, è soltanto la cosiddetta marijuana o canapa leggera, quella depotenziata del cannabidiolo THC. Tutta la marijuana con livelli di THC più alti dello 0,6% rientra nella tabella delle sostanze “stupefacenti”, e come tale considerata illegale.

Il termine “erba legale” si riferisce, quindi, alla marijuana light, l’erba venduta liberamente online o nelle tabaccherie, e che non va confusa con la marijuana terapeutica. La marijuana per uso terapeutico e l’erba leggera sono due cose completamente diverse.

comprare cannabis light online

La marijuana terapeutica si può acquistare soltanto dietro prescrizione del medico presso determinate farmacie accreditate.

L’erba legale, invece, è venduta per scopo ricreativo e ludico e si tratta di un prodotto destinato alla libera vendita solo in alcuni paesi come gli stati uniti (california) il Canada o i Paesi bassi.

Per comprare l’erba legale in Italia con THC sotto la norma non abbiamo che l’imbarazzo della scelta. Il mercato è in fortissima espansione, ed il giro d’affari milionario è diviso tra le centinaia di negozi online e le migliaia di tabaccherie e smartshop che vendono marijuana leggera di ogni varietà.

Comprare l’erba legale è molto più facile di quel che si crede. Su internet o nei negozi, il giro d’affari è impressionante.

Su Internet aprono negozi che vendono canapa leggera in continuazione. Si chiamano con nomi più disparati, ma trattano tutti lo stesso argomento. La libera vendita di cannabis light avviene secondo gli attuali sistemi della vendita online. I clienti scelgono il prodotto, pagano con carte di credito o carte di debito, e nel giro di 24 ore un corriere consegnerà loro in forma completamente anonima il pacco con l’erba legale. Semplice, anonimo e completamente legale.

Comprare erba legale nei negozi

Nei negozi (growshop, smartshop o weedshop) Non c’è tabaccheria sul nostro territorio che non stia considerando l’ipotesi di trasformarsi in moderni coffee shop e vendere marijuana leggera. Del resto, il riscontro commerciale è più che soddisfacente.

comprare erba legale nei negozi

negozio per la vendita di erba legale in italia

La domanda in continua e costante crescita è un dato oggettivo. I tanti Growshop, Smartshop, o Weedshop che vendono prodotti e accessori legati alla canapa light sono il segno evidente che questo mercato è in forte crescita.

Uno degli aspetti da non sottovalutare circa il mercato della “Cannabis Light,  è il fatto (provato con i numeri) che questo toglie capitali e risorse finanziarie ai “signori” della droga illegale.

Tra i tanti argomenti a sostegno del libero utilizzo dell’erba legale, ce n’è uno in particolare che andrebbe meglio evidenziato. Parliamo del fatto che, molte delle persone che oggi acquistano legalmente (online o nei smartshop) confezioni di erba leggera, non fanno altro che togliere risorse finanziarie al volume d’affari della criminalità organizzata, quella che detiene il controllo assoluto sul commercio della droga illegale.

Un aspetto, questo, la cui veridicità è confermata da recenti studi, i quali hanno evidenziato in maniera precisa come l’incremento delle vendite di erba legale tolga capitali alle mafie che gestiscono il mercato illegale degli stupefacenti.

Cosa dice la legge circa sulla vendita la marijuana legale?

Il fenomeno dell’erba legale o delle marijuane leggere, che dir si voglia, prende spunto partendo proprio da un vuoto normativo lasciato dalla pur chiara legge 242/2016. Nella legge in questione il legislatore individua come sostanza stupefacente tutte le infiorescenze e varietà di canapa il cui contenuto di THC è superiore allo 0,6%. Il vuoto normativo all’interno del quale si muove il mercato della marijuana leggera riguarda la destinazione d’uso di tale prodotto.

serra erba light

tipica serra per la produzione indoor della canapa

La legge, infatti, stabilisce che la coltivazione della canapa è legale se i limiti di THC, come detto, rimangono sotto la soglia dello 0,6%, e se dalla coltivazione delle piante si ottengono determinati lavorati o semilavorati. La coltivazione e la vendita della cannabis è legale se sotto lo 0,6% di THC, e l’uso (questa la sola indicazione della legge 242/2016) è consentito soltanto per un uso, collezionistico o tecnico.

Se vuoi sapere nel dettaglio leggi qui cosa serve e come fare per coltivare canapa legale

Su tutte le confezioni di erba legale venduta online o nei negozi, infatti, è riportata chiara la dicitura che il prodotto non è destinato alla combustione. Senza voler essere ipocriti e generare falsa informazione, sappiamo bene che le persone acquistano erba light e tutte le varietà di marijuana leggera oggi in commercio non proprio per scopi di interesse collezionistico.

La marijuana legale ha indotto il mercato al fatidico ” input startup”, il momento in cui imprenditori giovani e non, usano le loro conoscenze e le attuali tecnologie digitali per improntare nuove aziende basate sulla coltivazione, la pubblicizzazione, il commercio e il consumo dell’erba più famosa del mondo: la cannabis sativa legale.

 

Comprare e vendere canapa all’estero

Una curiosità, negli Stati Uniti, anche per merito di alcuni referendum popolari, le cose cambieranno radicalmente. All’ultimo “Tech Crunch Disrupt” di San Francisco si è percepito quanto le cose cambieranno in breve tempo. Gli startupper si propongono in massa, ne vengono selezionati solo 25 per la scelta finale, solamente in sei si giocano il titolo di campione, vincono 50 mila dollari ed una coppa che di solito attira le grandi compagnie di investimento del settore.

Quest’anno l’evento si è svolto al ” Pier 70″ di San Francisco, un grande edificio che affaccia sulla baia, che un tempo veniva utilizzato a livello industriale ma ora è tutto arrugginito. Traboccante di giovani che sognano di diventare milionari.

snoop dogg vendita marijuana legale

il rapper Snoop Dogg ed il suo marchio di cannabis legale

Ha partecipato all’evento niente di meno che Snoop Dogg, il mitico rapper che per l’occasione ha lanciato la nuova piattaforma editoriale “Merry Jane” che è uno dei vocaboli usati per chiamare la marijuana; ” Merry Jane” è per associare l’uso dell’erba a qualcosa di positivo .

La startup che si è aggiudicata la vittoria finale è legata agli orti, Agrilyst ed è la prima del mondo dedicata alla marijuana il suo nome è “GreenBits” è un software gestionale che aiuta chi vuole commerciare con la marijuana . Realizzato da un giovane illuminato del digitale: Ben Curren, un milionario dell’ultima ora ,diventatoci dopo aver venduto Outright al colosso “GoDaddy”, dinamica dei fatti, bussa alle porte di Google, costruisce dei droni , ma dopo un po’ ha l’intuizione per la sua prossima startup: testuale “Allora ho riguardato i miei appunti sul telefonino e ho trovato questa frase, segui l’evoluzione dell’industria della cannabis. E ho pensato che fosse arrivato il momento di realizzare uno strumento che consentisse ai negozi di comprare e vendere marijuana in maniera facile e sicura con una app sul proprio iPad”.

In America è in corso una vera e propria rivoluzione culturale . Gia in quattro stati (Colorado, Oregon, Alaska e Washington) la vendita e il possesso di marijuana è legale non solo per uso terapeutico ma molti altri stati vanno verso la depenalizzazione sulla spinta dell’opinione pubblica che per larga parte spinge per ottenere la liberalizzazione . I risultati sotto gli occhi di tutti, (da 76 milioni di dollari nel 2014 ai 125 nel 2015) e hanno superato quelli dell’alcool.

L’erba legale qui nel nostro paese, sia chiaro, è soltanto la cosiddetta marijuana o canapa light leggera, quella depotenziata del cannabidiolo THC. Tutta la marijuana con livelli di THC più alti dello 0,6% rientra nella tabella delle sostanze “stupefacenti”, e come tale considerata illegale.

admin Administrator
Articolo scritto dalla redazione del sito, attingendo ad informazioni prese da siti autorevoli ed affidabili.
 
www.tetralight.it

Benvenuti su Tetralight.it
Proseguendo, dichiari di aver compiuto 18 anni
 
I nostri prodotti non sono medicinali, da combustione o per alimentari,
e abbiamo scelto di non venderli ai minori.
 
Questo sito non utilizza cookie di terzi per inviarti pubblicita’ e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.

admin Administrator
Articolo scritto dalla redazione del sito, attingendo ad informazioni prese da siti autorevoli ed affidabili.