Infiorescenze di cannabis maschio e femmina

La Marijuana, sia essa considerata nella moderna versione “light” a basso contenuto di THC o nella versione “classica”, è una pianta da fiore che utilizza il polline per riprodursi attraverso il ben noto processo dell’impollinazione. L’impollinazione è il processo attraverso il quale assistiamo alla riproduzione spontanea delle piante.

Un processo che avviene per mezzo di uno scambio vero e proprio: le piante, o meglio il fiore, genera sostanze nutritive ghiotte agli insetti impollinatori, i quali si poseranno sul fiore per nutrirsene. Nel mentre gli animaletti impollinatori (vespe, Api, Farfalle, etc, etc) consumano il loro pasto a base di polline, ha inizio il processo di impollinazione.

Gli animaletti, infatti, sporcano le loro zampette di polline, e quando si andranno a posare su di un altro fiore per succhiarne il nettare sporcheranno quest’ultimo col polline della pianta precedente, garantendo dunque quel processo chiamato “impollinazione incrociata”.

La maggior parte delle piante da fiore utilizza il polline per riprodursi attraverso un processo noto come “impollinazione”. In natura, le piante hanno sviluppato parti specifiche dei fiori che attraggono gli impollinatori o sono progettate per distribuire il polline attraverso il vento o l’acqua. Per la stragrande maggioranza delle piante da fiore, sia gli organi riproduttivi femminili sia quelli maschili sono presenti su ogni singola pianta.

Ciò comporta un aumento delle probabilità di impollinazione e riproduzione della pianta stessa. Nelle piante dioiche, tuttavia, gli organi riproduttivi maschili e femminili si trovano su individui separati. La cannabis è una pianta dioica e, quindi, può essere trovata in forma maschile o in forma femminile.

Le piante femmine producono le gemme qualitativamente migliori e più apprezzate dai consumatori.
In questo articolo cercheremo di imparare quello che c’é da sapere sul sesso della pianta di marijuana, come si fa a capire se una pianta è maschio o femmina, e cerchiamo di imparare a far aumentare le possibilità di far crescere una pianta dal sesso desiderato.

Marijuana maschio o femmina

Per la maggior parte dei coltivatori di marijuana, le piante maschili sono dannose e andrebbero rimosse completamente in fase di crescita. Se una pianta maschile impollina una pianta femmina, la femmina inizierà a sviluppare semi.

Una volta che un fiore femminile sviluppa semi, la qualità della marijuana diminuisce. In altre parole, la potenza, il sapore e la qualità del prodotto finale non è quello che ci si aspetterebbe. I coltivatori di cannabis che cercano semi fanno volutamente ricorso a questa tecnica.
I coltivatori di marijuana che desiderano avere un prodotto più potente, con gemme più grandi e qualitativamente superiore, rimuoveranno sempre le piante maschili dal proprio giardino prima che queste impollino le piante femminili.

marijuana maschio femmina

Differenza tra marijuana maschio e femmina

Fasi di crescita

Prima di cercare di capire “cosa” cercare per determinare il sesso di una pianta di cannabis, è necessario sapere “quando” cercarlo. Le piante di marijuana attraversano tre distinti stadi di crescita durante i loro cicli di vita: piantina, vegetativo e fioritura.
Piantina
La prima fase corrisponde al momento in cui la pianta sviluppa il sistema di radici.
Vegetativo
Il secondo stadio di crescita è lo stadio vegetativo. In questa fase viene sviluppata la maggior parte dell’integrità strutturale della pianta. In altre parole, le radici, il gambo e le foglie prendono forma e diventano sempre più forti in questa fase.
Fioritura
La terza ed ultima fase del ciclo di crescita per la pianta di marijuana è quella di fioritura. In questo stadio i fiori iniziano a svilupparsi e, alla fine, maturano nelle gemme che vengono raccolte. Identificare il sesso di una pianta di cannabis è una operazione che si fa nella fase di fioritura. Anche se ci sono alcuni segni rivelatori da cercare nella fase vegetativa, una pianta di marijuana deve iniziare a creare i suoi organi riproduttivi al fine di identificare positivamente il sesso. Ciò si verifica nella fase finale (fioritura) della crescita.

Identificazione delle piante di marijuana maschile

Durante la fase vegetativa della crescita, i coltivatori possono cercare alcuni segnali che potrebbero aiutare a identificare una pianta maschile. Le piante alte e molto spesse dovrebbero trovarsi sul radar di un coltivatore come possibili piante maschili. Ramificazione sporadica e meno foglie durante la fase vegetativa sono altri indicatori che la pianta potrebbe essere un maschio.

Una volta iniziato il ciclo di fioritura, diventa molto più facile separare le piante maschili dalle piante femminili. Per le piante da esterno, il ciclo di fioritura inizierà quando la quantità di luce solare al giorno sarà ridotta a circa 14 ore. Per i giardini interni, il ciclo di fioritura viene attivato quando il coltivatore cambia il fotoperiodo in un ciclo buio di 12 ore luce / 12 ore.

Una volta che il ciclo di fioritura è iniziato, è molto importante che il coltivatore controlli regolarmente le piante. Le piante non ammesse devono essere monitorate giornalmente, se non due volte al giorno, per verificare la presenza di indicatori di organi riproduttivi maschili. Quando una pianta maschile inizia a mostrare i suoi organi riproduttivi, sembrerà avere un minuscolo mazzo di banane (di colore verde, non giallo) nelle articolazioni interne dei rami.

Non appena queste “banane” vengono individuate, la pianta deve essere rimossa. È importante ricordare che il danno provocato dall’impollinazione avviene dopo che le piante maschili hanno rilasciato il polline. Finché le piante possono essere identificate positivamente come maschi e quindi rimosse dal giardino prima che il polline venga rilasciato, non si svilupperanno semi.

Identificazione delle piante di marijuana femminile

Coltivare fiori di marijuana senza semi femminili è ciò che la maggior parte dei coltivatori di cannabis sta cercando di ottenere. Il termine sinsemilla è comunemente frainteso come uno specifico ceppo di cannabis. Sinsemilla è una parola spagnola che si traduce in “senza seme”. In altre parole, quando i coltivatori di cannabis si riferiscono a sinsemilla, stanno parlando di fiori femminili che non sono stati impollinati.

Come le piante di marijuana maschio, è quasi impossibile identificare positivamente le piante femminili fino a quando non hanno iniziato a sviluppare i loro organi riproduttivi. Durante la fase vegetativa, le piante che hanno più foglie o hanno una spaziatura stretta tra i rami mostrano i primi segni di essere femmine. Una volta iniziata la fase di fioritura, le piante femminili svilupperanno quelli che sembrano piccoli peli bianchi alle articolazioni e alla base dei rami.

Identificazione delle piante di marijuana ermafrodita

Dopo che un coltivatore ha rimosso tutte le piante maschili dal giardino, è importante monitorare attentamente le restanti piante femminili per gli ermafroditi. In alcuni casi, le piante femminili cominceranno a crescere i fiori maschili (ermafroditi) e cominceranno a impollinare se stessi e altre piante nella zona. Per i coltivatori indoor, basta un solo ermafrodito per seminare l’intero raccolto. Questo è il motivo per cui il monitoraggio quotidiano è così importante quando il coltivatore di cannabis inizia dai semi.

Non comprendiamo ancora tutti i motivi per cui gli ermafroditi si verificano. Alcune persone credono che sia innaturale il verificarsi di sole piante femminili, quindi gli ermafroditi sono il modo naturale di bilanciare le squame. È stato anche dimostrato che gli ermafroditi tendono a svilupparsi in risposta agli stress ambientali. Fuori dalle tempeste o dall’umidità e / o perdite di luce durante il ciclo oscuro sono tutti i possibili fattori scatenanti per lo sviluppo di un ermafrodito.

Qualunque sia la ragione, una volta identificati, gli ermafroditi dovrebbero essere immediatamente rimossi dal giardino. Gli ermafroditi non appaiono sempre durante lo sviluppo degli organi riproduttivi iniziali. In effetti, è abbastanza comune che gli ermafroditi si presentino più tardi nella fase di fioritura. Ancora una volta, questo è il motivo per cui il monitoraggio su base regolare durante l’intero ciclo di fioritura è così cruciale.
Rimozione di piante maschili o ermafrodite nelle fasi successive della fioritura.

La rimozione di piante maschili e ermafrodite in modo tempestivo è il modo più efficace per ridurre la possibilità di impollinazione. Se, per qualche ragione, una pianta maschile non viene identificata abbastanza presto o se un ermafrodito si sviluppa nelle fasi successive della fioritura, si dovrebbe prestare particolare attenzione durante la rimozione. Prestare particolare attenzione perché i sacchi di polline su maschi più maturi o piante di marijuana ermafrodite possono aprirsi e rilasciare polline. Una volta rilasciato, il polline può impollinare rapidamente ogni pianta del giardino.

Se un maschio o un ermafrodita viene individuato nel giardino, spegni immediatamente tutti i fan. In natura, la cannabis è principalmente impollinata via vento, il che significa che qualsiasi movimento d’aria aumenterà il rilascio di polline da piante maschili o ermafrodite; tenere lontani i ventilatori quando si rimuovono le piante indesiderate contribuirà a ridurre l’impollinazione.

Riattiva le ventole solo dopo che il maschio o l’ermafrodito sono stati rimossi. Dopo aver spento i ventilatori, prendi un flacone spray pieno d’acqua e saturi completamente le sacche di polline sulla pianta identificata maschile o ermafrodita. Ciò ridurrà la quantità di polline che può viaggiare in aereo quando la pianta viene rimossa. È anche una buona idea coprire la pianta indesiderata con un sacco della spazzatura per contenere ulteriormente il polline rilasciato.

Sfortunatamente, se il problema viene identificato nelle fasi successive della fioritura, è probabile che si sia verificato un danno. Tuttavia, la riduzione al minimo del problema può fare molto per salvare il resto del raccolto. Ancora una volta, questo è il motivo per cui il monitoraggio quotidiano è così importante per i coltivatori di cannabis che iniziano i loro raccolti dalle sementi.

La maggior parte dei coltivatori di canapa punta a produrre fiori femminili di marijuana. Quando si parte da semi non femminizzati, un coltivatore ha una probabilità del 50% di ottenere una pianta femminile. Con potenzialmente metà delle piante che si sviluppano in maschio, un’identificazione precoce e accurata è fondamentale per preservare la qualità finale dei fiori di cannabis. Quando una pianta di marijuana inizia le sue prime fasi di fioritura, inizierà a sviluppare i suoi organi riproduttivi.

Distinguere tra piante di cannabis maschili e femminili non è difficile quando sai cosa cercare. Identificare le piante ermafrodite può essere un po ‘più difficile. Per la maggior parte, gli ermafroditi assomiglieranno a qualsiasi altra pianta femminile di marijuana.
Sfortunatamente, non ci vuole molto per seminare un raccolto di piante di marijuana femminile. Ogni sacco di polline contiene abbastanza polline per seminare un intero giardino e degradare notevolmente il valore della cannabis. I coltivatori di marijuana al coperto fanno molti passi per imitare la natura in un ambiente chiuso.

L’impollinazione è la grande eccezione a questa regola. In natura, la riproduzione per le piante da fiore inizia con l’impollinazione. In un giardino di cannabis, l’impollinazione equivale a un minor ritorno sull’investimento. I coltivatori di marijuana che identificano accuratamente e rimuovono prontamente le piante maschili e ermafrodite saranno in grado di godere di una stanza di coltivazione piena di fiori di sensimilla e hanno maggiori probabilità di ricevere un raccolto redditizio.

admin Administrator
Articolo scritto dalla redazione del sito, attingendo ad informazioni prese da siti autorevoli ed affidabili.
 
www.tetralight.it

Benvenuti su Tetralight.it
Proseguendo, dichiari di aver compiuto 18 anni
 
I nostri prodotti non sono medicinali, da combustione o per alimentari,
e abbiamo scelto di non venderli ai minori.
 
Questo sito non utilizza cookie di terzi per inviarti pubblicita’ e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.

admin Administrator
Articolo scritto dalla redazione del sito, attingendo ad informazioni prese da siti autorevoli ed affidabili.